winexperience

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Integer volutpat nunc lectus.
Aliquam placerat quam ut faucibus volutpat. Pellentesque rhoncus, libero non sodales gravida, enim nibh consequat nibh, eget commodo lectus mauris dapibus risus.
Maecenas lacinia aliquet sem varius aliquam. Integer ac risus odio. Aliquam erat volutpat.
Sed faucibus eget arcu ut porta. Morbi eu venenatis velit.

Il Progetto

 

Il progetto Winetailor si inserisce nel quadro più complesso di Winecircus, la cantina sperimentale di Roberto Cipresso. 
È rivolto a coloro che, in virtù della loro passione per il vino, sognano di poterne produrre uno proprio, senza per questo dover acquistare cascine, castelli, cantine e vigneti, e divenendo così winemaker per un giorno. Un vino aderente al proprio carattere, alla propria cultura, al proprio gusto, ottenuto lasciandosi guidare in questa esclusiva esperienza da Roberto Cipresso, e prendendo in prestito il suo laboratorio, con tutti gli strumenti e le attrezzature d'avanguardia necessarie alla produzione e all'imbottigliamento di un prodotto così speciale.

Gli ingredienti necessari alla realizzazione di questo “vino/abito”provengono dalle attività di ricerca svolte da Roberto nel suo percorso di winemaker e di grande appassionato di vino e sono pertanto del tutto unici e speciali.
Sono vini provenienti da varietà dimenticate, da uve raccolte in vigneti eroici, o da viti coltivate su suoli di grande carattere. Tra di essi il progetto Winetailor consente appunto di scegliere quello che meglio corrisponde alla propria personalità. Un vino unico per un’esperienza all’insegna dell’esclusività, ecco ciò che attende coloro che intendono aderire al progetto Winetailor.



ROBERTO CIPRESSO - Profilo sintetico

 

Roberto Cipresso, originario di Bassano del Grappa, inizia la propria carriera di winemaker nel 1987 a Montalcino, dove si stabilisce e lavora per alcuni dei più noti produttori, come Case Basse, Poggio Antico, Ciacci Piccolomini d’Aragona.

Dopo i primi successi personali, la sua attività si estende anche ad altre zone della Toscana, e ad aziende collocate nelle più importanti regioni italiane; al 1999 risale la nascita di Winemaking, il suo gruppo di consulenza agronomica ed enologica.

Il suo percorso professionale ha visto e vede anche collaborazioni con alcune aziende straniere - tra le realtà argentine citiamo la prestigiosa Achaval-Ferrer in passato, e adesso Matervini; in Brasile, il progetto Bueno Bellavista -;  nell'ultimo periodo, ha poi finalmente potuto soddisfare il suo desiderio di confrontarsi con il Tempranillo grazie alla nuova collaborazione con i Vinos de La Luz in Argentina ed in Spagna.

E’ il fondatore dell’azienda La Fiorita, collocata nel cuore del territorio di Montalcino; è il titolare di un vigneto di circa 3 ettari - dei quali uno coltivato a Brunello -  a fianco del suo Resort di Poggio al Sole; è creatore e guida del progetto Winecircus, cantina-laboratorio che, grazie alla possibilità di usufruire di vigneti particolari e di una cantina sperimentale, è dedicata allo svolgimento di attività di ricerca orientate ai diversi aspetti dell’attività vitivinicola, in collaborazione con le Università di Padova, di Torino, di Venezia, di Pisa, di Udine e di Palermo. 

Il Winecircus si è recentemente trasferito in una nuova sede, proprio alle porte di Montalcino, che permetterà a Roberto e ai suoi collaboratori di lavorare in condizioni di ancora maggiore agio e libertà.  L'avventura del Winecircus lo vede attivo a fianco del fratello Gianfranco e dell'amico Santiago Achaval.

Nel 2000, in occasione del Giubileo, esegue la Cuvée speciale per il Papa Giovanni Paolo II. Tra gli altri importanti riconoscimenti ottenuti nel corso della sua carriera, nel Giugno 2006 viene proclamato Miglior Enologo Italiano nell’ambito della manifestazione “Oscar del Vino 2006”. Nel 2008 la rivista Men’s Health lo elegge “Uomo dell’Anno” nella categoria “Food”. I suoi tre libri, “Il Romanzo del Vino”, “Vinosofia”, “Vineide”, scritti in collaborazione con Giovanni Negri (e nel primo caso anche con Stefano Milioni, che cura il glossario de “Il Romanzo del Vino”), vengono pubblicati rispettivamente il 27 Settembre 2006, il 12 Ottobre 2008 e il 23 settembre 2009. Nel 2009 “Wine&Spirits” proclama la Bodega Achaval-Ferrer “migliore cantina del mondo”.

A febbraio 2010 viene eletto Accademico Corrispondente all’Accademia Nazionale di Agricoltura di Bologna, mentre ad Aprile dello stesso anno incontra il Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano e riceve l’incarico da “Città del Vino” per la produzione del vino speciale in occasione del 150° Anniversario dell’Unità d’Italia.

Nel 2011 Robert Parker, patron della prestigiosa rivista “The Wine Advocate”, assegna 99/100 al vino dell’azienda argentina Achaval-Ferrer Finca Altamira 2009, 98/100 al Finca Bellavista 2009, e 96/100 al Finca Mirador 2009.

Nel corso dell’annata 2012, il Brunello di Montalcino Riserva 2006 La Fiorita (95/100 da “Wine Spectator”), è inserito nei “Migliori 50 vini d’Italia” nell’ambito della manifestazione “Best Italian Wines Awards 2012”, e riceve la “Medaglia d’Oro” al “Merano Wine Festival 2012”. Nel 2013 invece, il Brunello di Montalcino Riserva 2007 La Fiorita viene valutato con 94/100 da “Wine Spectator”, ed il Brunello di Montalcino 2008 con 91/100.

Roberto Cipresso si posiziona nella “Top 10 Wine Spectator 2012” con il suo Finca Bella Vista 2010 della Bodega Achaval-Ferrer di Mendoza.

Nel 2013, riceve da Wine Spectator 96/100 per i vini argentini Finca Altamira 2011 e per il Finca Mirador 2011, e 95/100 per il Finca Bella Vista 2011. Il Finca Altamira 2013 è tra i 10 migliori vini del Mondo per l'annata 2016 secondo la rivista americana Forbes.

Tra le altre sue attività, ha dato vita ad un incantevole Resort  - Poggio al Sole www.poggioalsole.it -completamente immerso in uno degli angoli più suggestivi della campagna di Montalcino, circondato dai vigneti La Fiorita e punto di ritrovo ideale per gli appassionati di quiete e di vino.

Il 30 Luglio 2014 viene nominato membro del comitato scientifico dell’Ente Vini – Enoteca Italiana.

Il 16 Dicembre 2014, presso Palazzo Strozzi, “La Quadratura del Cerchio incontra il Cubismo di Pablo Picasso”, in esclusiva per gli ospiti della Cathay Pacific Airways.

La collaborazione con Cathay Pacific prosegue nella forma della partecipazione di Roberto all’evento dal titolo: “Build: i sentieri si costruiscono viaggiando”, nell’ambito dei Cathay Pacific Business Award 2015.

Nel 2016 da vita, con il fratello Gianfranco, al progetto Parallelo 43, per la produzione dei vini da vitigni autoctoni coltivati lungo il medesimo parallelo - che idealmente per l'autore rappresenta l'eccellenza dei vini dell'area del Mediterraneo - e sui due mari, Tirreno ed Adriatico, ai lati opposti della penisola italiana.

WEB

www.robertocipresso.it



UN’ESPERIENZA UNICA

 

L’incontro tra Roberto Cipresso e l’appassionato avverrà a Montalcino, luogo di paesaggi incantevoli e dalla prestigiosissima tradizione viticola ed enologica, e sede di Winecircus. In alternativa, grazie alla sofisticata attrezzatura mobile realizzata appositamente per Winetailor, potrà avvenire ovunque il cliente desideri, purché l’ambiente prescelto sia all’altezza dell’esclusività dell’esperienza.

L’incontro inizierà con la degustazione di 9 campioni, che verranno dettagliatamente descritti con l'aiuto di una proiezione che illustri il significato intellettuale corrispondente ad ogni vino. Da questi primi 9 vini ne saranno scelti 4, con i quali verranno preparati 6 differenti assemblaggi. Da questi ultimi saranno selezionate le due migliori partite da impiegare per elaborare le 3 nuove mescolanze, basi definitive per la scelta del Winetailor. Una indimenticabile degustazione composta da 18 assaggi per la preparazione del proprio vino. A suggello dell'esperienza vissuta e quale simbolo del prodotto unico,  realizzato a misura dei suoi desideri e dei suoi gusti, a fine giornata sarà consegnata al committente la bottiglia n° 0 del suo prezioso vino. Nell’etichetta saranno evidenziate le coordinate del terroir di provenienza delle uve e le indicazioni relative ai vitigni.

A distanza di 100 giorni dall’incontro, il cliente potrà ritirare il proprio vino imbottigliato in quantitativi multipli di una barrique - ovvero di 300 bottiglie - e accompagnato dall' esclusivo quaderno di lavoro, nel quale saranno state in precedenza annotate le indicazioni di tutte le diverse fasi del processo produttivo, dal vigneto alla bottiglia. Il progetto Winetailor si è consolidato con successo grazie alla grande passione e alla maniacale ricerca che da 25 anni guidano l’attività di Roberto Cipresso e che oggi, con il supporto del team di Winecircus, si traducono in una esperienza indimenticabile.



Il Castello di Velona

 

La location scelta dove far vivere l’esperienza del Winetailor e dove far soggiornare il nostro ospite non poteva che essere una “location da Sogno”, il Castello di Velona. Un castello lussuoso nel cuore della Toscana a pochi passi da Montalcino. Fortilizio Medievale del secolo XI, la parte più antica oggi visibile, è la torre di guardia del XII secolo che fu teatro di scontri tra la repubblica di Siena e quella di Firenze. La strada che costeggia a valle il Castello, è segnalata su antiche carte geografiche col nome di Via Clodia, la vecchia strada romana del primo secolo a.c.

Nelle vicinanze sono visibili anche tratti della Via Francigena, itinerario percorso da scrittori, artisti, briganti famosi e pellegrini che, nel medioevo, si recavano a Roma per il Giubileo. Nelle zone adiacenti il castello furono rinvenuti importanti reperti etruschi, oggi conservati nel museo di Montalcino.

Nel 2011, il Castello di Velona - Tuscan Resort & SPA riapre le sue porte al pubblico dopo un’estesa opera di ampliamento durata tre anni, con un totale di 46 camere e suite, un nuovo ristorante con terrazza panoramica e una Spa di 1500 mq. che lo rendono un luogo magico e unico per il relax, il benessere, per gli appassionati d’arte, storia e per i degustatori di grandi vini.



DOVE VUOI TU

 

L’esperienza di Winetailor viene organizzata anche fuori dal territorio di Montalcino.
Per necessità del Cliente, lo staff di Winecircus raggiungerà direttamente la location definita in qualsiasi parte del mondo.

Per questo sono state realizzate apposite flight-case che possono contenere tutti gli strumenti adatti per rendere indimenticabile ed altamente esclusiva questa esperienza; diversi tipi di bicchieri e decanter, attrezzi di laboratorio in vetro, campioni di terra.



Contatti

 

Loc. Castelgiocondo - Montalcino (SI) Italy
Tel. +39 0577 835511
Mob. +39 348 3507727

E-mail:
 sergio.pianezzola@winecircus.it


wineschool

 

Tanti anni di lavoro, suoli, luci, acque, vitigni diversi, esperienze umane.
Tutto raccolto in appunti e trasmesso a chi abbia il desiderio di approfondire la passione per la vite ed il vino.
I lavori sono in corso, e a presto gli aggiornamenti sulle nostre attività.